Versione 0.6 Beta. Login | Registrarsi

Login

E-mail:
Password:
Non ti sei ancora registrato?
Fai clicca qui per acedere la comunità degli Araldi del Vangelo. Scrivi i tuoi commenti sulle attività.
Home » Arte e Cultura » Storie per bambini »
Storie per bambini

L’offerta più gradita a Gesù e Maria

Pubblicato 2014/02/11
Autore : Suor María Carolina Vindas Morales, EP

Il freddo era ancora penetrante e la neve non cessava di cadere in quella fine d'inverno europea, più rigido del solito.

| Stampare | Email E-mail | Report! Correggere | Share

Ines uscì di casa molto presto, col suo mazzetto di rose. Aveva già percorso un buon tratto di strada, quando udì dei passi dietro di sé...

Suor María Carolina Vindas Morales, EP

Il freddo era ancora penetrante e la neve non cessava di cadere in quella fine d'inverno europea, più rigido del solito. Tuttavia, il rigore del clima non impediva alla piccola Ines di uscire di casa, situata sul fianco di una ripida montagna, per andare ad assistere alla Messa nel villaggio vicino. Era il 3 febbraio, momento in cui tutti i bambini della regione ricevevano bei fogli dorati, dove annotavano i piccoli sacrifici che offrivano alla Madonna di Lourdes, durante la sua novena.

In quei giorni, tutti si impegnavano a partecipare alla Santa Eucaristia, e quanto più si approssimava il giorno della festa, tanto più la gioia dei bambini diventava intensa. Allo stesso tempo, i loro elenchi si allungavano con le mortificazioni che facevano, e che per loro costituivano veri olocausti, come privarsi del cioccolato o di caramelle, fare i compiti di scuola senza brontolare o alzarsi dal letto presto di colpo, nonostante avessero i brividi di freddo e le coperte calde li invitassero a un po' di sonno in più...

Per Ines, il percorso fino alla chiesa era un sacrificio in più, poiché, mentre gli altri bambini vivevano a poca distanza, per scendere dalla montagna e arrivare al villaggio era obbligata a percorrere un sentiero scosceso e sassoso, coperto di neve, sotto un vento inclemente. Piena di fervore, però, la bambina non si rendeva neppure conto dello sforzo che quello significava, e non lo considerava come un qualcosa di valore, adatto a essere offerto a Gesù e a Maria, e degno di risultare nel suo foglio dorato. Al contrario, era desolata perché i suoi genitori non le permettevano di fare tutti i sacrifici che desiderava, e riteneva che il suo elenco non fosse sufficientemente pieno.

Giunta la vigilia della festa, Ines uscì dalla chiesa un po' preoccupata, poiché era già molto buio. Gli ultimi raggi di Sole si erano nascosti dietro le montagne, mentre lei conversava animatamente con le compagne sul foglietto che sarebbe stato posto presso la statua della Madonna di Lourdes, il giorno dopo, con i suoi elenchi di sacrifici e penitenze.

Alla luce del piccolo lume che portava sospeso a un bastone, intraprese con decisione il tragitto di ritorno, e a un certo punto del cammino notò, con stupore, che questo era disseminato di splendide rose fresche e profumate.

- Come possono essere comparsi questi fiori, in pieno inverno? - disse fra sé - Chi li avrà lasciati qui? Beh... Non importa! Li raccoglierò e li offrirò domani, quando andrò a Messa, a Gesù e a sua Madre Santissima!

All'alba uscì di casa col suo mazzetto di rose. Aveva già percorso un buon tratto di strada, quando udì dei passi dietro di sé e si girò per vedere chi la seguisse, e vide, allora, un giovane dall'aspetto celestiale, dall'aspetto luminoso e magnifico, vestito con una tunica lillà bordata d'argento e con ali di diverse tonalità. Era il suo Angelo Custode.

Nella mano sinistra portava una cesta di rose, che disseminava lungo il sentiero, proprio sulle orme che la bambina lasciava sulla neve. Nella mano destra teneva un'altra cesta, con fiori di una bellezza incomparabile e di variatissimi colori. Piena di meraviglia, lei non si azzardò a balbettare la benché minima parola. Tuttavia, l'Angelo le disse:

- Ines, mia protetta, ho raccolto in questa cesta tutti i passi che hai fatto affrontando i rigori della neve e del freddo, vincendo la fatica per arrivare in chiesa e partecipare alla Santa Messa! Ognuno di essi è rappresentato da una di queste rose. Io le consegno a te, affinché tu le offra alla Madonna in questo giorno della sua festa!

- O mio Santo Angelo, io non sapevo che una cosa così piccola potesse piacere a Gesù e a Maria! Ma... e quest'altra cesta così bella, i cui fiori superano tutti quelli che coprono i campi a primavera?!

- Essi simboleggiano i meriti che Dio ti ha concesso per essere andata alla Santa Messa ed esserti comunicata tutti i giorni. Ines, per quanto tu abbia offerto mortificazioni durante la novena che ieri è terminata, nulla si può comparare alla partecipazione devota e fervente al Santo Sacrificio dell'Altare!

E dopo averle consegnato le due ceste, l'Angelo scomparve in un raggio di luce.

La piccola corse, allora, in chiesa, portando quel dono prezioso e partecipò alla Messa con una devozione come mai aveva avuto in vita sua. E con le amichette depositò ai piedi della Vergine di Lourdes i suoi elenchi dorati e la lettera che avevano scritto, piena di manifestazioni di affetto per Lei e per il suo Divino Figlio, adornati dagli splendidi fiori celestiali che l'Angelo le aveva dato.

(Rivista Araldi del Vangelo, Febbraio/2014, n. 130, pp. 46 - 47)

Suo voto :
0
Risultato :
0
- Voti: 0

Articoli suggeriti

Le cinque sfide del Congresso Eucaristico in Bolivia

In un incontro di mille persone, l'Arcivescovo di Santa Cruz in Bolivia, Don Sergio Gualberti, ha iniziato il Congresso Eucaristico Arcidiocesano......Leggi tutto

Io sono la via

"Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me". (Gv 14,6). In ogni momento queste parole di Nostro Signor Gesù Cristo si fanno attuali......Leggi tutto

Concedere ai bambini l´Eucaristia attira tantissime grazie del Cielo

Un grande Papa, San Pio X, ha dedicato non poca atenzione e sforzo pastorale ai bambini. Nell´8 agosto 1910 pubblicò il Decreto Quam Singulari, in cui stabiliva che era possibile ammettere i bambini alla Prima Comunione fin dall´età di 7 anni....Leggi tutto

Copyright Araldi del Vangelo. Tutti i diritti riservati.