Versione 0.6 Beta. Login | Registrarsi

Login

E-mail:
Password:
Non ti sei ancora registrato?
Fai clicca qui per acedere la comunità degli Araldi del Vangelo. Scrivi i tuoi commenti sulle attività.
Home » Arte e Cultura » Storie per bambini »
Storie per bambini

La tua fede è d’oro!

Pubblicato 2013/05/29
Autore : Patricia Victoria Jorge Villegas

Nell’inaccessibile Valle di Fern, nel pieno cuore del Tirolo austriaco, c’è un pittoresco villaggio che nel periodo invernale soffre i rigori della stagione

| Stampare | Email E-mail | Report! Correggere | Share

Terminata la Messa, camminando ormai senza difficoltà, Pietro si dirige con Giuseppe presso l'altare dove, con le lacrime agli occhi, i due bambini rendono grazie alla Madonna.

Patricia Victoria Jorge Villegas

Nell'inaccessibile Valle di Fern, nel pieno cuore del Tirolo austriaco, c'è un pittoresco villaggio che nel periodo invernale soffre i rigori della stagione. Situata presso il lago Blindsee, vi si contemplano splendidi panorami, l'imponente Zugspitze, la montagna più alta della Germania sullo sfondo.la_tua_fede_e_d_oro_1.jpg

Lì viveva il dott. Roberto, un giovane chirurgo molto stimato in tutta la regione per la sua competenza professionale. L'esperto dottore, tuttavia, viveva lontano dalla Religione e questo rendeva molto tristi i suoi vicini. Inoltre, essi conoscevano il grande dolore che portava nel suo cuore: Pietro, il suo unico figlio, che egli amava teneramente, era affetto da una paralisi sul lato destro del corpo contro la quale suo padre aveva prodigato tutti i suoi sforzi e la sua scienza. Sotto le cure materne della signora Margherita, moglie eccellente e governante di casa, il bambino cresceva privo dei giochi comuni ai ragazzi della sua età.

Tutti gli anni, in estate, la famiglia pianificava un viaggio per distrarre il piccolo malato.

- Margherita, stavo pensando di fare un viaggio in Svizzera in queste vacanze. Il nostro Pietro ha bisogno di cambiare un po' ambiente.

- Sì. È bene che conosca altri paesi. Mi sembra un'ottima idea!

- Perfetto. Partiremo questa settimana.

Decisa la destinazione, comunicarono la notizia a Pietro e cominciarono i preparativi per il viaggio. Il Dott. Roberto fece verificare la sua automobile per controllare che tutto fosse in ordine, e nel giorno fissato cominciarono il viaggio.

Dopo due giorni... Pum! L'auto si fermò per strada! Un meccanico venne a soccorrerli e, dopo aver revisionato a fondo il veicolo, dichiarò che sarebbero stati necessari tre giorni per rimetterlo a posto. Non restava alternativa se non alloggiare nella città più vicina, dove - per coincidenza - c'era un famoso Santuario nel quale era venerata una miracolosa statua della Madonna. Accomodati presso l'hotel dove avrebbero trascorso quei tre giorni, e avendo preso possesso delle loro stanze, andarono a riposare dopo una giornata piena di preoccupazioni.

La mattina seguente, Pietro era nel giardino dell'albergo a contemplare alcune belle cartoline che suo padre gli aveva comprato, mentre sua madre stava parlando con la portinaia d'albergo. A un certo punto, si avvicinò un altro bambino della sua stessa età.

- Anch'io ho delle belle cartoline. Prendi, ti do questa!

Iniziarono a parlare e divennero ben presto amici. Giuseppe era figlio del giardiniere e gli spiegò le peculiarità delle piante del luogo. Pietro, a sua volta, gli raccontò di aver visitato molti medici, ma di non essere riuscito a guarire. Così Giuseppe, preso da affetto per il suo nuovo amichetto, gli chiese:

- Perché non chiedi ai tuoi genitori di portarti al Santuario? Lì, la Madonna fa molti miracoli.

Un raggio di speranza irruppe con forza nel cuore del bambino. Tuttavia, disse tristemente:

- Mio padre non mi lascerà andare.

- Allora, chiedi a tua madre!

Il piccolo storpio rimase in silenzio. Sapeva bene che per quanto la signora Margherita insistesse, il dott. Roberto non avrebbe mai permesso che suo figlio mettesse piede in una chiesa, e meno ancora per chiedere un miracolo...

Il giorno dopo, Giuseppe tornò a chiedergli:

- Allora hai chiesto il permesso a tua madre?

- Sì, ma il problema è mio padre. Dice che è pura immaginazione tutto quello che tu dici succeda nel Santuario.

Allora il figlio del giardiniere ideò un piano.

- Domani, alle cinque del mattino, vengo a prenderti. Porterò la carriola di mio padre e ti porterò al Santuario. Dobbiamo esser molto attenti a non svegliare nessun adulto. Se non facciamo rumore, nessuno si accorgerà di nulla. E prima delle otto saremo già tornati all'hotel. Vuoi?

- Certo che voglio!

- Ma, per favore, non dire nulla a nessuno! Quanto al resto, sai pregare?

- No...

- Allora t'insegno. Prendi questo rosario e fa' scorrere le palline fra le dita. Nei grani grandi dirai: "Regina del Cielo, abbi pietà di questo figlio malato", e in quelli piccoli: "Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te...".

Pietro trascorse la notte quasi senza poter dormire, pregando di nascosto secondo quanto aveva imparato. Alle cinque del mattino, arrivò il suo amico e, alcuni minuti dopo, una carriola, spinta da questo bambino intelligente e pieno di fede, saliva la rampa che conduce al Santuario.

Edith Petitclerc
la_tua_fede_e_d_oro_2.jpg
Alcuni minuti dopo, una carriola, spinta da
questo bambino furbo e pieno di fede,
si dirigeva verso il Santuario

Arrivati alla porta del tempio, Giuseppe aiutò il suo compagno malato a scendere e lo portò davanti all'altare della Madonna, dove un sacerdote si apprestava a pregare la consueta Messa per i malati. Pietro non aveva mai assistito ad una Messa! Il cerimoniale liturgico, le candele accese ai candelieri d'argento, le letture proclamate con pia solennità gli causarono un forte impatto nell'anima. Giunto il momento della Consacrazione, Giuseppe sentì sussurrargli all'orecchio:

- Adesso devi inginocchiarti... Imbevuto della sacralità dell'ambiente e intuendo che qualcosa di molto importante stava per accadere, il piccolo paralitico si inginocchiò... dimenticandosi che gli era impossibile! Per un attimo i due amichetti si guardarono stupiti, e poi fissarono l'Ostia Sacra, adorando Gesù lì presente nelle mani del sacerdote.

Terminata la Messa, Giuseppe disse a Pietro:

- Alzati e andiamo vicino alla Vergine. Sei guarito!

Camminando già senza difficoltà, Pietro si diresse con Giuseppe presso l'altare dove, con le lacrime agli occhi, i due bambini resero grazie alla Madonna, prima di tornare in albergo.

Mentre tutto questo accadeva, il dott. Roberto si svegliò e, trovando il letto del figlio vuoto, cominciò a cercarlo, afflitto... Fino a che, stando nella hall, vide Pietro alla porta, che camminava tranquillamente, senza l'aiuto di nessuno.

Commosso, saputo quello che era successo, il dott. Roberto si girò verso il figlio del giardiniere ed esclamò:

- Giuseppe, la tua fede è d'oro!

Egli rispose immediatamente:

- Non me, ma la Vergine dovete ringraziare.

Cadendo in ginocchio, l'incredulo medico abbracciò il figlio e, piangendo di emozione, si diresse senza ulteriori indugi al Santuario, con la moglie e il bambino, per ringraziare Maria Santissima per il miracolo che aveva appena operato, grazie alla grande fede di due bambini .

(Revista Arautos do Evangelho, Giugno/2013, n. 122, p. 46 - 47)

Suo voto :
0
Risultato :
0
- Voti: 0

Articoli suggeriti

L’unico amore in grado di trasformare il mondo e la vita umana

Crediamo che il titolo che abbiamo dato a questo testo esprime bene ciò che è nell'animo di coloro che lo leggono....Leggi tutto

Elevato ad altezze inimmaginabili...

Figura eccezionale, esaltata dalla Chiesa insieme con quella di Maria, non sarà mai abbastanza lodare San Giuseppe, tale è la quantità di meraviglie e privilegi di cui è piaciuto a Dio cumularlo...Leggi tutto

L’eccezionale missione di San Giuseppe

É toccata a San Giovanni Battista la missione di annunciare la venuta immediata del Messia. Si può quindi dire che fu il più grande dei precursori di Gesù nel Vecchio Testamento....Leggi tutto

“La vita cristiana è semplicemente seguire Gesù”, ha detto il Papa in Casa Santa Marta

Nella Santa Messa in Casa di Santa Marta, il Papa ha ricordato ai fedeli presenti i vari casi di persecuzione dei cristiani nel mondo....Leggi tutto

Un Natale di speranza, di giustizia e di fraternità

Il Papa ha invitato i fedeli a celebrare il Natale contemplando le immagini della Vergine Maria e di San Giuseppe...Leggi tutto

Copyright Araldi del Vangelo. Tutti i diritti riservati.