Versione 0.6 Beta. Login | Registrarsi

Login

E-mail:
Password:
Non ti sei ancora registrato?
Fai clicca qui per acedere la comunità degli Araldi del Vangelo. Scrivi i tuoi commenti sulle attività.
Home » Arte e Cultura » Storie per bambini »
Storie per bambini

Una potente intercessione

Pubblicato 2012/06/25
Autore : Mariana Iecker Xavier Quimas de Oliveira

Iconiugi Gastinelli non potevano nascondere la loro gioia, poiché la giovane sposa avrebbe presto dato alla luce un bambino, il loro primo figlio...

| Stampare | Email E-mail | Report! Correggere | Share

Egli corse tanto quanto poté, timoroso di perdere il lavoro ma, passando di fronte alla Chiesa,
sentì come se San Francesco lo chiamasse e decise di entrare!

Mariana Iecker Xavier Quimas de Oliveira

03.jpg
Con la vendita del prezioso vaso, i coniugi
riuscirono a salvare la situazione

Iconiugi Gastinelli non potevano nascondere la loro gioia, poiché la giovane sposa avrebbe presto dato alla luce un bambino, il loro primo figlio! Giacomo aveva già raccontato ai suoi colleghi panettieri la buona notizia e anche Mirella l'aveva comunicata alla direttrice della casa di riposo, dove lavorava come cuoca.

Tuttavia, alcune preoccupazioni della vita domestica sembravano offuscare questa contentezza. Siccome erano poveri, l'arrivo di un altro membro nella famiglia significava spese maggiori. Questo argomento cominciò ad occupare l'attenzione di molte conversazioni tra Mirella e lo sposo. La casetta dove abitavano, nelle vicinanze della Chiesa di San Francesco Saverio, era stata presa in affitto da un proprietario esigente, con scadenze fisse di pagamento, e la futura madre non essendo nelle condizioni di lavorare in quelle settimane, era preoccupata per quello che sarebbe potuto succedere.

- Giacomo, mancano poche settimane alla scadenza dell'affitto della nostra casa. Il tuo lavoro non rende molto e abbiamo appena il sufficiente perché la nostra dispensa non resti vuota... Bisogna assolutamente trovare una soluzione!

- Dio provvederà, Mirella! Ringraziamo il Cielo, perché ho ancora lavoro. Abbiamo fede! Facciamo una novena a San Francesco Saverio, nostro protettore e sicuramente egli intercederà per noi, presso Dio.

Egli era un uomo molto pio e pregava insistentemente affinché la Provvidenza aiutasse la sua piccola famiglia. All'ultimo giorno della novena, di buon mattino, sentirono bussare alla loro porta. Era un uomo che consegnava un ordinativo per Giacomo. Egli aveva la giornata libera e ricevette il pacchetto, cercando il mittente sull'involucro, poiché non aveva ordinato nulla e non sapeva di chi potesse essere. C'era solo il nome "Francesco". Non c'era, però, il cognome, né la provenienza...

- Bene, Mirella, io non conosco nessun Francesco - disse Giacomo - Vediamo cos'è!

Aprì il pacco e fu con grande sorpresa che scoprirono trattarsi di un bellissimo vaso di porcellana cinese, con dettagli in oro!

- Ecco qui la nostra soluzione!

- disse Mirella - Vendiamo questo vaso e avremo il denaro sufficiente per pagare l'affitto di casa! Mio Dio, chi sarà questo sant'uomo che ci ha mandato questo regalo dal Cielo? O meglio, dalla Cina?

- Non ne ho la minima idea, ma realmente deve provenire da un uomo di Dio! Può essere solo per l'intercessione di San Francesco Saverio, l'apostolo dell'Oriente!Storia per bambini... o adulti pieni di fede?

- Andiamo a terminare la nostra novena subito, ringraziando per questo immenso favore!

Con la vendita del prezioso vaso, i coniugi Gastinelli riuscirono a salvare la piccola casa e a metter via qualcosa, sufficiente per mantenersi fino a quando Mirella poté tornare a lavorare. In onore del santo, il benefattore della famiglia, diedero al figlio il nome di Francesco.

Il piccolo crebbe pio e religioso, come il padre, e molto devoto al suo patrono. Fu battezzato, fece la prima comunione e si sposò nella chiesetta del suo tanto amato santo e, per questa ragione, non volle mai andarsene da quei luoghi, rimanendo vicino ai suoi buoni genitori che, felici, potevano far visita con frequenza alle nipotine.

Francesco aveva la buona abitudine, tutte le mattine, dopo aver lasciato le sue due figlie a scuola, di passare dalla Chiesa di San Francesco Saverio, prima di andare nella fabbrica di fuochi d'artificio dove lavorava, situata non molto lontano da lì, per recitare una preghiera e offrire a Dio il lavoro della giornata.

La sua figlia maggiore non poteva che chiamarsi Francesca! Ella era molto attiva e, da quando si svegliava, non smetteva di saltellare, ansiosa di andare quanto prima a scuola. Voleva diventare insegnante una volta cresciuta.

Un giorno, mentre usciva col papà e sua sorella più giovane per andare a scuola, con in mano la cartella, urtò contro un vaso di fiori di sua madre, che abbelliva il salotto di casa, il quale si ruppe, ferendole la mano destra. Cominciò a piangere, spaventata nel vedere il proprio sangue. Francesco, preoccupato, la portò immediatamente nella farmacia più vicina. Fortunatamente, la ferita non era grave, ma fu sufficiente a far ritardare Francesca alla sua lezione e Francesco, se non avesse corso, avrebbe fatto tardi pure lui.

Egli corse più che poté, timoroso di perdere il lavoro, poiché conosceva bene l'intransigenza del capo: per questioni di famiglia sarebbe arrivato in ritardo per la terza volta quel mese. Passando di fronte alla Chiesa di San Francesco, guardò l'orologio e pensò tra sé: "Mancano cinque minuti al mio orario... se non passo per la chiesa e corro molto, riesco ad arrivare puntuale!"

Storia per bambini... o adulti pieni di fede?
Era appena arrivato all’angolo della strada della
fabbrica quando udì un forte scoppio

Guardò verso la facciata della chiesa e sentì come se San Francesco lo chiamasse. Allora, disse:

- No, San Francesco non mi farà perdere l'impiego a causa sua...

E decise di entrare! Quel giorno, la statua del suo amato santo svegliagli sembrava più sorridente che mai. Tuttavia, non poteva fermarsi molto: aveva soltanto due minuti! Pregò e uscì in gran carriera.

Non era giunto all'angolo della strada della fabbrica, quando udì una grande esplosione.

In pochi minuti tutto era avvolto dal fuoco e c'era confusione ovunque. Arrivarono i pompieri e presto spensero l'incendio.

Tornata la calma, Francesco seppe esattamente quello che era successo: un incidente nel settore in cui lavorava aveva provocato l'esplosione, ferendo molti dei suoi compagni.

Ancora una volta ringraziò la potente intercessione di San Francesco Saverio, poiché se non avesse udito la voce della grazia, in quei pochi minuti sarebbe stato sul posto di lavoro e solo Dio sa quello che gli sarebbe potuto accadere... La sua buona abitudine di passare sempre per la chiesa gli salvò non solo l'impiego, ma forse anche la vita! E questo grazie alla protezione di San Francesco, che accompagnò la sua famiglia addirittura prima della sua nascita e mai li abbandonò.

(Rivista Araldi del Vangelo, Giugno/2012, n. 110, p. 46 - 47)

Suo voto :
0
Risultato :
0
- Voti: 0

Articoli suggeriti

I riti e cerimonie della Santa Chiesa Cattolica: Nostalgia anticipata della Patria Celeste

La Santa Chiesa, nel corso dei secoli, ha arricchito i suoi riti e cerimonie, offrendo occasioni di consolazione spirituale e di veri incontri con Dio...Leggi tutto

Io sto vicino a ognuno...

Il tempo trascorreva e il mistero continuava a non essere svelato! Il parroco, però, non lasciava che lo spirito degli abitanti, he continuavano a cercare senza alcun esito la statua della loro patrona, si abbattesse. ...Leggi tutto

"Vecchi"... come certi vini

Quante volte le nostre anime possono sentirsi come una bottiglia di vino custodita in una buia cantina, che il Divino ispensiere non sembra nemmeno DegnarSi di guardare… Però, al momento opportuno Egli verrà a farci visita. ...Leggi tutto

La voce del silenzio

È il silenzio una semplice assenza di rumore o di comunicazione? Non sempre... A volte esso parla più delle parole, aprendo le orecchie dell’anima alle sublimità del soprannaturale....Leggi tutto

La docilità allo Spirito Santo insegnata da dei pagani

Alla durezza di cuore della maggioranza del popolo eletto, che rifiuta la nascita del Messia, si oppone l'esempio di docilità alla chiamata di Dio, manifestato da re pagani di terre lontane....Leggi tutto

Copyright Araldi del Vangelo. Tutti i diritti riservati.