Versione 0.6 Beta. Login | Registrarsi

Login

E-mail:
Password:
Non ti sei ancora registrato?
Fai clicca qui per acedere la comunità degli Araldi del Vangelo. Scrivi i tuoi commenti sulle attività.
Home » Arte e Cultura » Storie per bambini »
Storie per bambini

La ricompensa dell’onestà

Pubblicato 2012/05/10
Autore : Emelly Tainara Schnorr

La gioia fu sempre presente in casa di Enrico, per l'armonia che vi regnava. Da buon capo famiglia, lavorava instancabilmente per mantenerla. Tuttavia, otteneva, con sforzo, solo il necessario per una vita senza molta larghezza

| Stampare | Email E-mail | Report! Correggere | Share

La signora Elena capì di avere una grande fortuna in mano e pensò: "Ah! Se avessi la metà di tutto questo... tutto sarebbe risolto... Potrei curarmi e lavorare per mantenere i miei piccoli!"

Emelly Tainara Schnorr

La gioia fu sempre presente in casa di Enrico, per l'armonia che vi regnava. Da buon capo famiglia, lavorava instancabilmente per mantenerla. Tuttavia, otteneva, con sforzo, solo il necessario per una vita senza molta larghezza. Nonostante ciò, lui, sua moglie e i suoi figli erano molto stimati nel villaggio, per le dimostrazioni di virtù che davano. In verità, la devozione a Gesù Sacramentato era il centro della famiglia e da lì emanavano le benedizioni per quell'umile dimora.

Purtroppo però una profonda tristezza venne a scuotere quella così benedetta famiglia: colpito da una malattia mortale, dopo aver speso i suoi risparmi in medicine e ospedale, Enrico lasciò la moglie Elena e i suoi tre figli nella miseria. Prima di esalare l'ultimo respiro, volle dare ai suoi un consiglio semplice, ma prezioso: - In qualunque circostanza della vita, non smettete mai di invocare L'Onnipotente. Nell'Eucaristia sta la medicina per qualunque tipo di tormento.

Dopo la sua dipartita per l'eternità, chi avrebbe provveduto alla famiglia? I figli n

La ricompensa dell’onestà
Entrata in chiesa sono stata inondata da
un’enorme consolazione, poiché era
esposto il Santissimo Sacramento

on avevano ancora l'età per lavorare ed Elena, in seguito alle cure prodigate al marito, aveva pure lei la salute compromessa, senza poter lavorare. Per questo, in poco tempo, in casa non c'era più nemmeno un po' di farina... Erano ad un passo dall'indigenza completa.

La vedova, abbandonata a se stessa in tale situazione, non trovò altra via d'uscita che mendicare nei dintorni. Non mancarono anime generose che si intenerissero, vedendo il suo dolore, ma quanto otteneva non era sufficiente.

Un giorno, mentre pregava con i figli il rosario come facevano tutte le sere, tra le lacrime, la signora Elena non resistette e diede sfogo alle sue preoccupazioni con loro:

- Figli miei, stiamo passando momenti difficili! Mi sconvolge pensare che non abbiamo nemmeno l'indispensabile per sopravvivere. Vostra madre non è capace di lavorare e mendicare non porta molti risultati...

Matteo, il maggiore, ritenendosi responsabile e adulto, volle tranquillizzarla:

- Non preoccuparti, mamma, sono grande e ormai posso lavorare. Domani girerò per il paese in cerca di lavoro. Così, potrò mantenere la famiglia!

- Ti ringrazio per la tua buona volontà, mio caro Matteo - disse la buona madre -, ma tu hai solo dieci anni!

Luisa, la seconda figlia, cercò di consolarla, dicendole:

- Mamma, non affliggerti, ricordati di quello che il sacerdote ha detto domenica: Dio è protettore degli orfani e delle vedove. Egli non smetterà mai di proteggerci. Se Egli ci ha mandato la sofferenza, è perché ci ama!

- Sì, confida in Gesù - aggiunse Pietro, il più piccolo. Papà disse che si deve cercare nell'Eucaristia il rimedio per tutte le afflizioni!

Riconfortata dalle parole dei figli, la signora Elena, di mattina presto, si diresse in chiesa per implorare aiuto a Gesù, presente nella Sacra Ostia. Già entrando in chiesa fu inondata da un'enorme consolazione, poiché il Santissimo era esposto, creando un ambiente accogliente, pieno di grazie e di benedizioni. Inginocchiatasi presso l'altare, passò lunghe ore esternando i suoi dolori al Divino Redentore e supplicando misericordia da parte Sua.

Era talmente immersa nelle sue preghiere, che non si accorse minimamente che due uomini erano entrati in chiesa. Erano dipendenti del fattore più ricco della regione, i quali, dopo esseri passati per la banca a ritirare una bella somma di denaro del padrone, vollero far visita al Santissimo Sacramento.

Compiuta la visita, se ne andarono, montando subito a cavallo, poiché erano in ritardo con i loro impegni. Contemporaneamente uscì anche la vedova e vide staccarsi e cadere un sacco voluminoso da una delle loro cavalcature. Pensierosa, la buona signora lo raccolse agilmente per renderlo, non riuscendoci, però, a causa della rapidità con cui si allontanarono.

La signora Elena capì di avere una grande fortuna in mano e pensò: "Ah! Se avessi la metà di questo... tutto sarebbe risolto... Potrei curarmi e lavorare per mantenere i miei piccoli!"Non lasciandosi sedurre dalle monete che sembravano palpitare in quel sacco, andò subito a consegnarlo al sacrestano, dopo avergli spiegato l'accaduto, poiché, nel villaggio era costume, quando accadevano fatti simili, consegnare gli oggetti perduti alla segreteria parrocchiale. Con la coscienza tranquilla, ritornò a casa con l'anima in pace.

La ricompensa dell’onestà
Elena comprese di aver una grande
fortuna nelle mani

Gli impiegati, solamente alla fattoria si resero conto della mancanza del denaro. Preoccupatissimo, uno di loro andò a raccontare al padrone quanto successo, assicurandogli che, certamente, il sacco era caduto dove erano passati. Il padrone, molto pio, decise di andare in chiesa a pregare per trovare l'oggetto perduto. Arrivò poco tempo dopo che la vedova se ne era andata. Avvicinandosi al Santissimo Sacramento, implorò l'aiuto del Signore dei signori, poiché quel denaro era il salario deisuoi dipendenti e, sebbene fosse ricco, questa mancanza avrebbe sconvolto i suoi affari.

Spinto da una grazia, si diresse in sacrestia per chiedere al sacrestano se, per caso, non avesse visto il sacco prezioso. Egli gli rispose affermativamente, e gli restituì il denaro, spiegando che era stata una povera vedova la sua grande benefattrice. Commosso di fronte all'onestà della buona donna, volle ringraziarla, andando fino alla sua casa.

Una volta arrivato, seppe la storia della sua vita. Impietosito dalla sua situazione e toccato dalla sua onestà - che nemmeno l'estrema necessità aveva scosso -, le diede tutto il sacco come ricompensa. La miseria della signora Elena poté essere eliminata, lei si prese cura della propria salute e riuscì a mantenere la famiglia dignitosamente.

Allo stesso modo, il buon padrone premiò anche il suo servo, per avergli dimostrato tanta onestà, dichiarando l'accaduto ed essendo sincero nel raccontargli quanto successo, senza inventare nessuna scusa o falsa ragione per la scomparsa delle monete. Per questo, lo fece amministratore della sua fattoria.

Questo è il modo in cui il Signore Gesù ricompensa tutti quelli che Lo cercano per adorarlo e farGli compagnia presso il Santissimo Sacramento!

(Rivista Araldi del Vangelo, Maggio/2012, n. 109, p. 46 - 47)

Suo voto :
0
Risultato :
0
- Voti: 0

Articoli suggeriti

Io sto vicino a ognuno...

Il tempo trascorreva e il mistero continuava a non essere svelato! Il parroco, però, non lasciava che lo spirito degli abitanti, he continuavano a cercare senza alcun esito la statua della loro patrona, si abbattesse. ...Leggi tutto

"Vecchi"... come certi vini

Quante volte le nostre anime possono sentirsi come una bottiglia di vino custodita in una buia cantina, che il Divino ispensiere non sembra nemmeno DegnarSi di guardare… Però, al momento opportuno Egli verrà a farci visita. ...Leggi tutto

La voce del silenzio

È il silenzio una semplice assenza di rumore o di comunicazione? Non sempre... A volte esso parla più delle parole, aprendo le orecchie dell’anima alle sublimità del soprannaturale....Leggi tutto

La docilità allo Spirito Santo insegnata da dei pagani

Alla durezza di cuore della maggioranza del popolo eletto, che rifiuta la nascita del Messia, si oppone l'esempio di docilità alla chiamata di Dio, manifestato da re pagani di terre lontane....Leggi tutto

Santi di Settembre 2015

I Santi di ogni giorno...Leggi tutto

Copyright Araldi del Vangelo. Tutti i diritti riservati.