Versione 0.6 Beta. Login | Registrarsi

Login

E-mail:
Password:
Non ti sei ancora registrato?
Fai clicca qui per acedere la comunità degli Araldi del Vangelo. Scrivi i tuoi commenti sulle attività.
Home » Dottrina » Spiritualità »
Spiritualità

Il mare della vita umana

Pubblicato 2017/08/17
Autore : Bruna Almeida Piva

La diversità delle “navi” umane che fanno rotta nell’oceano di questa vita è sorprendente. Tuttavia, dopo aver analizzato imbarcazioni così differenti, dobbiamo ricordarci una parola di incoraggiamento che si applica a tutte loro…

| Stampare | Email E-mail | Report! Correggere | Share

   Palco di innumerevoli guerre, testimone di numerosi atti di eroismo e anche di naufragi terribili, il mare sarebbe un grande narratore di storie, se potesse parlare…

   Migliaia di naviganti hanno osato avventurarsi nelle sue acque, gemendo sotto la furia delle onde furiose! Nel suo seno si forgiano eroi, ma sono anche sepolti i codardi. Sopravvivono alla sfida solo coloro che sono disposti a superare il rischio, la paura e la sfortuna. Una pazzia? Per i mediocri, forse. Tuttavia, le anime magnanime sentono il fiato corto quando sono fuori dai venti dell’eroismo!

   Qualcosa di questi prodigiosi portenti marittimi c’è stato narrato dalla Storia. Immaginiamo come dovesse essere elegante il dislocamento delle caravelle portoghesi, con le loro vele gonfiate dal vento, che partivano dalla vecchia Europa alla ricerca di nuovi orizzonti! Pur essendo consapevoli della loro vulnerabilità, partivano senza paura e sicure verso la realizzazione del loro sogno: conquistare terre per il Portogallo e anime per la Santa Chiesa! E le belle e guerriere imbarcazioni vichinghe, quanto sono differenti! Fabbricate per il combattimento, autentiche basi marittime dell’esercito, sono comunque molto belle, con i caratteristici dettagli in legno delle loro prue e poppe. Possono ben rappresentare la nobiltà dello spirito bellico che, lungi dall’essere sinonimo di brutalità o empietà, nasce dal vero amore per Dio e dal conseguente disaccordo tra l’uomo e tutto ciò che a Lui si oppone.

1.jpg
Luna crescente, di Montague Dawson – Collezione privata
   Passando ai giorni attuali, che cosa dire dei transatlantici? Essi sono i giganti superbi dei mari! Enormi, forti e pesanti, avanzano costanti e quasi immobili sulle onde, con una serietà sorprendente. Così sicuri di sé che soltanto Dio li può affondare…

   D’altra parte, è impossibile dimenticare le piccole e solitarie imbarcazioni dei pescatori, strumenti che essi usano per ritirare con maestria dall’oceano furioso il loro sostentamento… minuscole se comparate all’immensità delle acque, diventano colossali quando le affrontano con gagliardia!

   Innumerevoli esempi come questi ci sarebbe ancora da segnalare. Ma c’è un aspetto più bello e profondo che merita di essere analizzato.

   L’oceano rappresenta in un certo senso la vita dell’uomo sulla terra: mare di preoccupazioni, pericoli, difficoltà e prove che ogni anima deve attraversare incolume, senza lasciare che la sua nave naufraghi durante il percorso…

   Ora, nelle tempeste di questa vita, i differenti tipi di anime che le affrontano assomigliano alle diverse imbarcazioni che solcano il mare. Alcune, piccole e solitarie, hanno il compito di salvare la propria anima senza dover prendere su di sé il peso di altre. La loro esistenza, però, è incontestabilmente grandiosa: il Redentore non ha versato il suo Sangue preziosissimo anche per loro?

   Esistono, inoltre, anime di grande vocazione, alla cui corrispondenza Dio condiziona la salvezza di altrettante: sono come le caravelle del Portogallo, in partenza alla ricerca delle altre e insieme a loro scoprono la Patria Celeste!

   La maggiore responsabilità, tuttavia, ricade sui “transatlantici” della Santa Chiesa: i fondatori! Sotto la loro cura è il governo spirituale di una grande famiglia di anime e, talvolta, da loro dipendono tutti i fedeli della loro epoca, perché hanno ricevuto dalla Divina Provvidenza il carisma specifico che soddisfa alle necessità della Chiesa del loro tempo. Sono anime immense le cui azioni pesano di più di fronte a Dio, guide serie, costanti e forti che attirano a sé i buoni e li conducono con sicurezza al Divino Porto Sicuro, che è Cristo!

   Insomma, ancor più che negli oceani, la diversità delle “navi” umane è incredibile… Ora, dopo aver analizzato tali imbarcazioni così diverse, dobbiamo ricordarci che c’è una parola di incoraggiamento che si applica a tutti coloro che navigano in questa vita: quali che siano le battute d’arresto o i venti contrari che soffiano contro di noi, un mezzo infallibile per evitare il naufragio è sempre quello di aggrapparsi all’Ancora della Fiducia, al Faro della Misericordia che ci ha dato il Salvatore: Maria Santissima! (Rivista Araldi del Vangelo, Agosto/2017, n. 171, p. 50 -51)

Suo voto :
0
Risultato :
0
- Voti: 0

Articoli suggeriti

Copyright Araldi del Vangelo. Tutti i diritti riservati.