Versione 0.6 Beta. Login | Registrarsi

Login

E-mail:
Password:
Non ti sei ancora registrato?
Fai clicca qui per acedere la comunità degli Araldi del Vangelo. Scrivi i tuoi commenti sulle attività.
Home » Dottrina » Eucaristia »
Eucaristia

Lei sapeva...Perché il pellicano è simbolo dell’Eucaristia?

Pubblicato 2016/06/28
Autore : Redazione

L'iconografia cristiana comprende un ricco insieme di simboli che riflettono realtà spirituali, il cui alto significato è in qualche modo chiarito da immagini terrene.

| Stampare | Email E-mail | Report! Correggere | Share
Gustavo Kralj
Pellicano alimenta.jpg
Pellicano alimenta i figlioletti col
suo stesso sangue – Chiesa della
Madonna della Concezione da
Praia, Salvador (Brasile)

L'iconografia cristiana comprende un ricco insieme di simboli che riflettono realtà spirituali, il cui alto significato è in qualche modo chiarito da immagini terrene.Particolarmente presente in questo gruppo è l’Eucaristia, fonte di vita della Chiesa. E tra le distinte rappresentazioni che la illustrano, una richiama in modo particolare l’attenzione: quella del pellicano che lacera il proprio petto per alimentare i suoi piccoli.

Questo simbolo ha origine in un’antica leggenda molto diffusa dai bestiari medievali, secondo la quale il pellicano, in tempi di magra, alimentava i suoi figlioletti col sangue tratto dal suo stesso petto. Un tale ammirevole comportamento ha portato a mettere in relazione quest’uccello con Nostro Signore Gesù Cristo, il quale offre il suo stesso Corpo nell’Eucaristia per alimentarci.

Già agli albori del V secolo, San Girolamo si avvalse di questo significato simbolico commentando il versetto 7 del Salmo 101: “Assomiglio al pellicano del deserto, sono come il gufo tra le rovine”. Secoli dopo, esso ha ispirato una delle più belle strofe dell’inno Adoro te devote, nel quale San Tommaso d’Aquino esclama: “Pie pellicane, Iesu Domine, me immundum munda tuo sanguine. Cuius una stilla salvum facere totum mundum quit ab omni scelere – Signore Gesù, tenero pellicano, lavami, me immondo, col tuo Sangue del quale una sola goccia già può salvare il mondo da tutti i peccati”.

Il simbolismo eucaristico di quest’uccello si trova anche in numerose opere d’arte: sculture, pitture e persino in testi letterari, come quello della Divina Commedia.

(Rivista Araldi del Vangelo, Giugno/2016, n. 158, p. 38)

Suo voto :
0
Risultato :
0
- Voti: 0

Articoli suggeriti

Lei sapeva...Qual è il significato del nome Francesco?

Il nome delle persone può essere associato a personaggi famosi cui si desidera rendere omaggio – Ercole, Cicerone, Penelope......Leggi tutto

Lei sapeva...Una curiosa forma di rendere il Natale più dolce?

L'atmosfera di Natale è dolce: le musiche, gli addobbi, il sapore dei cibi... Anche il testo di certi canti usa l’espressione dolce Gesù per riferirsi al Divino Infante....Leggi tutto

Lei sapeva...Quando e come sono diventati famosi i presepi napoletani?

Nel 1759, re Carlo di Napoli ereditò la Corona spagnola, diventando noto come Carlo III. Dalla città del Vesuvio, egli portò a Madrid la tradizione di confezionare magnifici presepi in stile napoletano, stimolando questo bel costume quanto......Leggi tutto

Lei sapeva...

Sì, anche i ponti hanno il loro santo patrono: è San Giovanni Nepomuceno....Leggi tutto

Copyright Araldi del Vangelo. Tutti i diritti riservati.