Versione 0.6 Beta. Login | Registrarsi

Login

E-mail:
Password:
Non ti sei ancora registrato?
Fai clicca qui per acedere la comunità degli Araldi del Vangelo. Scrivi i tuoi commenti sulle attività.
Home » Arte e Cultura » Tesori della Chiesa »
Tesori della Chiesa

Che anche le campane ricevono il "battesimo"?

Pubblicato 2018/04/10
Autore : Redazione

Gli storici discordano sulla data precisa dell'invenzione della campana. Risulta che siano state fabbricate in Cina già intorno all'anno 2260 a.C. Esistevano anche in Egitto e a Roma, dove erano chiamate tintinabula e usate con diverse finalità

| Stampare | Email E-mail | Report! Correggere | Share

campaneGli storici discordano sulla data precisa dell'invenzione della campana. Risulta che siano state fabbricate in Cina già intorno all'anno 2260 a.C. Esistevano anche in Egitto e a Roma, dove erano chiamate tintinabula e usate con diverse finalità. Forse se ne servivano i cristiani della Chiesa primitiva per convocare le loro assemblee? È probabile di sì, ma il primo riferimento scritto dell'utilizzazione di questi strumenti sonori a fini religiosi appare nell'anno 515, in una lettera inviata da un diacono della Diocesi di Cartagine.

Poiché serviva da segnale per l'ora delle assemblee, San Cesario di Arles (470-543) le diede il nome di signum, da dove è derivato il vocabolo portoghese sino. È denominato anche campana, termine derivato dal celebre bronzo della Campagna Romana, usato nella sua fabbricazione.

Le campane si integrarono talmente nella vita della Chiesa che presto sorse un costume molto peculiare: il "battesimo" delle campane. In certe chiese, prima che fossero istallate, venivano asperse da un presbitero con acqua benedetta, benedette e nominate con un nome che molte volte era inciso nel metallo. Così, il campanaro memorizzava facilmente la sequenza dei rintocchi di Pietro, Tommaso o Giacomo, adeguata per chiamare i fedeli alla Messa, che era distinta da quella usata per altre finalità.

A partire dal XVI secolo, il "battesimo" delle campane si generalizzò e la sua benedizione fu riservata al Vescovo diocesano o a un ecclesiastico da lui designato a tale scopo. E si cominciò a incidere sul bronzo non solo il nome della campana, ma anche di chi la "battezzava", dei "genitori" che l'hanno fusa, dei "padrini" (cioè, dei donatori) e, infine, la data della cerimonia del "battesimo".

(Rivista Araldi del Vangelo, Aprile/2015, n. 144, p. 25)

Suo voto :
0
Risultato :
0
- Voti: 0

Articoli suggeriti

Perché questa statua si chiama il "Cristo delle Trincee"?

Entrando nella sala del Capitolo del famoso Monastero di Santa Maria della Vittoria, situato a Batalha in Portogallo, il visitatore si imbatte su una scena che risveglia la sua curiosità....Leggi tutto

Santuario di Fatima riceve immagine del “Cristo delle trincee”

A partire dal 29 novembre sarà in mostra presso il Santuario di Fatima, il "Cristo delle Trincee", uno dei pezzi religiosi più suggestivi della partecipazione religiosa portoghese alla Prima Guerra Mondiale....Leggi tutto

Madonna di Vallarpadam

Realizzate sotto la protezione dello spirito religioso del popolo iberico, che aveva appena riconquistato la Penisola dopo otto secoli di lotte, le grandi navigazioni possono esser considerate una continuazione di quest'audace fatto....Leggi tutto

Papa: Gesù è davanti al Padre in questo momento, pregando per noi

“L’amore non guarda se uno ha la faccia brutta o la faccia bella: ama! E Gesù fa lo stesso: ama e sceglie con amore”, ha osservato il Papa, in Casa Santa Marta...Leggi tutto

I cristiani perseguitati in Giappone avranno museo che celebrerà il suo eroismo

L’obiettivo è quello di recuperare la memoria dell’eroismo dei cattolici locali davanti alla terribile persecuzione del XVII al XIX secolo....Leggi tutto

Copyright Araldi del Vangelo. Tutti i diritti riservati.