Versione 0.6 Beta. Login | Registrarsi

Login

E-mail:
Password:
Non ti sei ancora registrato?
Fai clicca qui per acedere la comunità degli Araldi del Vangelo. Scrivi i tuoi commenti sulle attività.
Home » Magistero » Voce del Papa »
Voce del Papa

Preghiera, digiuno ed elemosina

Pubblicato 2014/05/12
Autore : Redazione

Solo quando le difficoltà e le sofferenze dei nostri fratelli ci interpellano, soltanto allora possiamo iniziare il nostro cammino di conversione verso la Pasqua. E' un itinerario che comprende la croce e la rinuncia.

| Stampare | Email E-mail | Report! Correggere | Share

La Quaresima è tempo di preghiera, di una preghiera più intensa, più prolungata, più assidua, più capace di farsi carico delle necessità dei fratelli.

Solo quando le difficoltà e le sofferenze dei nostri fratelli ci interpellano, soltanto allora possiamo iniziare il nostro cammino di conversione verso la Pasqua. E' un itinerario che comprende la croce e la rinuncia.

Il Vangelo di oggi indica gli elementi di questo cammino spirituale: la preghiera, il digiuno e l'elemosina (cfr. Mt 6,1-6.16-18). Tutti e tre comportano la necessità di non farsi dominare dalle cose che appaiono: quello che conta non è l'apparenza; il valore della vita non dipende dall'approvazione degli altri o dal successo, ma da quanto abbiamo dentro.

La Quaresima è tempo di preghiera

Il primo elemento è la preghiera. La preghiera è la forza del cristiano e di ogni persona credente. Nella debolezza e nella fragilità della nostra vita, noi possiamo rivolgerci a Dio con fiducia di figli ed entrare in comunione con Lui. Dinanzi a tante ferite che ci fanno male e che ci potrebbero indurire il cuore, noi siamo chiamati a tuffarci nel mare della preghiera, che è il mare dell'amore sconfinato di Dio, per gustare la sua tenerezza.

La Quaresima è tempo di preghiera, di una preghiera più intensa, più prolungata, più assidua, più capace di farsi carico delle necessità dei fratelli; preghiera di intercessione, per intercedere davanti a Dio per tante situazioni di povertà e di sofferenza.

Digiunare ci aiuta ad allenare il cuore

Il secondo elemento qualificante del cammino quaresimale è il digiuno. Dobbiamo stare attenti a non praticare un digiuno formale, o che in verità ci "sazia" perché ci fa sentire a posto. Il digiuno ha senso se veramente intacca la nostra sicurezza, e anche se ne consegue un beneficio per gli altri, se ci aiuta a coltivare lo stile del Buon Samaritano, che si china sul fratello in difficoltà e si prende cura di lui.

Il digiuno comporta la scelta di una vita sobria, nel suo stile; una vita che non spreca, una vita che non "scarta". Digiunare ci aiuta ad allenare il cuore all'essenzialità e alla condivisione. E' un segno di presa di coscienza e di responsabilità di fronte alle ingiustizie, ai soprusi, specialmente nei confronti dei poveri e dei piccoli, ed è segno della fiducia che riponiamo in Dio e nella sua provvidenza.

L'elemosina ci aiuta a vivere la gratuità del dono

Terzo elemento, l'elemosina: essa indica la gratuità, perché nell'elemosina si dà a qualcuno da cui non ci si aspetta di ricevere qualcosa in cambio. La gratuità dovrebbe essere una delle caratteristiche del cristiano, che, consapevole di aver ricevuto tutto da Dio gratuitamente, cioè senza alcun merito, impara a donare agli altri gratuitamente.

Oggi spesso la gratuità non fa parte della vita quotidiana, dove tutto si vende e si compra. Tutto è calcolo e misura. L'elemosina ci aiuta a vivere la gratuità del dono, che è libertà dall'ossessione del possesso, dalla paura di perdere quello che si ha, dalla tristezza di chi non vuole condividere con gli altri il proprio benessere.

Tratto dall'Omelia nella Basilica di Santa Sabina, 5/3/2014

Suo voto :
0
Risultato :
0
- Voti: 0

Articoli suggeriti

I Salmi: paradigma della preghiera perfetta

Narra la Genesi che Dio passeggiava nel Giardino dell'Eden all'ora della brezza del giorno (cfr. Gn 3, 8), e possiamo immaginar- Lo che scende, soprattutto, per conversare e convivere con Adamo...Leggi tutto

Fiamma di vigilanza e preghiera

Corteo, canti, incenso… Termina una cerimonia liturgica. I fedeli se ne vanno pervasi di serietà e gioia, come inebriati dalle grazie che hanno appena ricevuto...Leggi tutto

Papa chiede preghiere per il suo viaggio in Albania

Al termine dell'Udienza Generale di oggi in Piazza San Pietro, e prima dei saluti in italiano, il Papa ha parlato del suo viaggio in Albania la domenica prossima 21 settembre, e ha invitato tutti i fedeli a unirsi a lui nella preghiera...Leggi tutto

C’è bisogno di umiltà e preghiera per ascoltare la Parola di Dio

Papa Francesco: “per non impadronirsi della Parola di Dio, sono necessarie umiltà e preghiera”...Leggi tutto

Il Papa riceve i pellegrini dallo Sri Lanka nella Basilica Vaticana

Nell’occasione, il Santo Padre ha ricordato il 75° anniversario della consacrazione dello Sri Lanka alla Madonna....Leggi tutto

Copyright Araldi del Vangelo. Tutti i diritti riservati.